• LOCATION 13 | Storie, misteri e leggende del Lago di Como lungo la Greenway

    Lenno – la vite e l’olivo

    Gira a sinistra, procedi lungo la salita poi prendi la prima a destra seguendo le frecce gialle e blu che trovi dopo circa 50 metri. Potrai sentirmi nuovamente tra poco.

    Ti trovi a Lenno. Si ritiene che il suo nome derivi da Lemnos, l’isola greca da cui probabilmente giunsero alcune centinaia di coloni condotti sin qui dai romani nel primo secolo dopo cristo.


    Grazie al clima mite, i coloni furono in grado di coltivare l’olivo e la vite sulle colline intorno al lago. L’olio di oliva del lago di Como è prodotto da 2000 anni, la quantità è modesta ma la qualità è eccellente. Invece in questa zona non si produce più il vino. In passato, la vite era coltivata sui terrazzamenti esposti a sud affacciati sul lago. Un viaggiatore inglese ad inizio 900 descrisse la vendemmia che potè osservare durante una gita in barca, di fronte all’isola Comacina.

    Queste le sue parole.

    “Una scena che si può osservare in autunno è un grande tino sulla riva del lago in cui una dozzina di bambini pigiano l’uva. Sono nudi… gridano, ridono e cantano mentre ballano nel grande tino, sporcandosi la faccia l’un l’altro con il ricco succo color porpora.”

Preview mode limited to first 3 locations.
Storie, misteri e leggende del Lago di Como lungo la Greenway